Dolci natalizi tipici italiani, delizie da nord a sud!

- Novembre 13, 2023

Durante le festività i dolci non mancano mai, così, a completare la nostra carrellata di ricette tipiche del Natale, ecco 3 dolci tipici natalizi, da nord a sud, da offrire in tavola a fine pasto!

Trovate seguendo i link: i primi, gli antipasti, i secondi e i contorni!

Dolci natalizi del Nord Italia: Crema di Mascarpone al Marsala

Dolci natalizi tipici
Crema al mascarpone e Marsala – Credits

Ingredienti:

  • 500 grammi di mascarpone
  • 3 uova grosse
  • zucchero quanto basta
  • due o tre cucchiai da minestra di Marsala invecchiato di 10 anni

Procedimento:

Estrai dal frigo il mascarpone e le uova almeno mezz’ora prima di iniziare, è importante che siano a temperatura ambiente per poter lavorare con facilità la crema;

Dividi l’albume dal rosso.

Ai tuorli unisci zucchero bianco quanto basta: non deve risultare troppo dolce, solitamente tre o quattro cucchiai da minestra sono più che sufficienti.

Monta a neve tutti gli albumi.

Incorpora gli albumi ai tuorli, mescolando bene.

Unisci il mascarpone, mescola con cura e attenzione fino a quando non otterrai una crema liscia, senza grumi.

Aggiungi da due a tre cucchiai di Marsala: alla fine non deve sentirsi il sapore di “uovo”, ma solo quello di una crema morbida, non troppo liquida, dolce, con un vago retrogusto di Marsala.

Usa questa crema su Panettone o Pandoro e accompagna con uno spumante secco oppure un vino rosato non troppo dolce.

Dolci del Centro Italia: il Torrone

Dolci natalizi tipici

Ingredienti:

  • 200g di miele
  • 200g di zucchero
  • 2 albumi (a temperatura ambiente)
  • 200g di mandorle sgusciate
  • 50g di nocciole
  • 50g di pistacchi
  • 50g di noci
  • 50g di cioccolato fondente, tritato grossolanamente
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • Scorza grattugiata di 1 arancia
  • Zucchero a velo per spolverare (facoltativo)
  • 2 Fogli di ostia (o 1 da tagliare in due parti uguali)
📍LEGGI ANCHE:  Segnaposto natalizi, 10 idee facili ed economiche

Procedimento:

Tosta leggermente le mandorle, le nocciole, i pistacchi e le noci in una padella antiaderente a fuoco medio-basso per alcuni minuti. Assicurati di mescolarli costantemente e non bruciarli. Una volta tostate, mettile da parte.

In una pentola, unisci il miele, lo zucchero e la cannella, mescolando solo quando si sono sciolti. Porta a ebollizione a fuoco medio, quindi abbassa il calore e fai cuocere per circa 5-7 minuti mescolando, finché il composto diventa dorato e raggiunge una consistenza di caramello. Per verificare se è pronto, puoi versare una piccola quantità in acqua fredda: dovrebbe formare una pallina dura.

Aggiungi la scorza d’arancia grattugiata e mescola bene il tutto, finché il composto non si intiepidisce.

Lavora gli albumi e amalgama

Monta a neve ferma gli albumi e aggiungi al composto, mescolando dal basso verso l’alto (per non far smontare gli albumi) per amalgamare tutto. Rimetti sul fuoco basso continuando a mescolare dal basso verso l’alto, finché sul fondo della pentola non rimane attaccato nulla. Solo ora aggiungi le mandorle, le nocciole, i pistacchi, le noci e il cioccolato fondente. Una bella mescolata ancora e togli dal fuoco.

Metti della carta forno alla base di una teglia rettangolare e sopra sistema un foglio di ostia. Stendi sull’ostia il composto in uno strato uniforme, formando un rettangolo spesso circa 1-2 cm e ricopri con l’altro foglio di ostia. Livella ancora e lascia raffreddare completamente (almeno 12 ore) a temperatura ambiente.

Una volta freddo, taglia il torrone a cubetti o rettangoli e se vuoi spolvera i cubetti di Torrone con zucchero a velo.

Il Torrone è un dolce tradizionale del Centro Italia che raramente manca sulle tavole italiane, non solo del centro! Accompagnato con Moscato D’Asti, chiude perfettamente un pasto succulento e festoso e tra i dolci tipici natalizi è proprio perfetto.

📍LEGGI ANCHE:  Come decorare casa per Natale, consigli utili

Dolci natalizi tipici del Sud Italia: gli Struffoli

Dolci natalizi tipici

Ingredienti:

Per gli struffoli:

  • 250g di farina
  • 3 uova
  • 30g di burro, fuso
  • Scorza grattugiata di 1 arancia
  • Scorza grattugiata di 1 limone
  • Una punta di sale
  • Olio vegetale per friggere

Per il miele:

  • 200g di miele
  • Scorza grattugiata di 1 limone
  • Scorza grattugiata di 1 arancia

Decorazione:

  • Confetti colorati
  • Canditi colorati (opzionale)

Procedimento:

Inizia preparando la pasta per gli struffoli. In una ciotola, mescola la farina, le uova, il burro fuso, le scorze grattugiate di arancia e limone e una punta di sale. Lavora gli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo.

Dividi l’impasto in piccole porzioni e forma dei cordoncini sottili. Taglia i cordoncini in pezzetti delle dimensioni di una ciliegia.

Scalda abbondante olio vegetale in una pentola profonda a circa 170°C.

Friggi gli struffoli in piccoli lotti fino a quando diventano dorati e croccanti, quindi scolali su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso.

Nel frattempo, prepara il miele: In una pentola, riscalda il miele a fuoco basso e aggiungi le scorze grattugiate di limone e arancia. Cuoci per circa 2-3 minuti finché il miele è ben sciolto e aromatico.

Una volta che gli struffoli sono stati fritti e scolati, versali nella pentola con il miele e mescola delicatamente in modo che siano completamente ricoperti.

Trasferisci gli struffoli su un piatto da portata o su un vassoio, modellandoli in una forma di montagna o di ciambella.

Decorali con confetti colorati e canditi (se desideri).

Lascia raffreddare completamente prima di servire.

Gli Struffoli sono un dolce natalizio tradizionale del Sud Italia, che conquisterà facilmente ogni palato. Perfetti con Vin Santo o con un Passito di Pantelleria.

📍LEGGI ANCHE:  Cosa si può creare con le pigne a Natale? Lasciatevi ispirare da noi

Buone Feste!

Img da risorse gratuite – Testo by IlPumoGiallo©

Spread the Love and Like if you love!
- Published posts: 11

Tiziana, mamma digital, scrivo per i blog da quando hanno visto la luce. Eclettica, appassionata, innamorata dell'arte e della sostenibilità, scrivo storie di recupero e riciclo, di ecoturismo e cucina inclusiva.