97 views 5 min 0 Comment

I colori della Pasqua e il loro significato religioso

- Febbraio 23, 2024
i colori della Pasqua

Come ogni stagione ha i propri colori, anche le festività che le attraversano hanno i loro, e fra queste c’è la Pasqua, con il suo sentore di Primavera e le tonalità pastello, delicate ma al contempo scintillanti.

Oro, rosa, verde menta, celeste e tutti i colori che regalano un tocco di delicata e festosa allegria, quasi ingenua. Ma di che colore è la Pasqua in sé, che simbolismo recano tutte le sue sfumature?

Continuate a leggere e lo scoprirete.

I colori della Pasqua e il simbolismo che c’è dietro

Ogni colore della Pasqua è richiamato nella Bibbia che ne spiega dunque motivo per cui è collegato alla Festività santa. Indubbiamente tutti i colori rappresentano la resurrezione di Gesù.

Nel 1198, Papa Innocenzo III indicò l’uso di 5 colori: il viola, il rosso, il nero, verde e bianco. Essi venivano utilizzati, in una sequenza prestabilita, nei paramenti della Chiesa cattolica durante l’anno.

Dal 1969 (ad oggi), per volontà di Paolo VI, i colori liturgici nel Rito romano sono 4: verde, bianco, viola e rosso. Si aggiungono il rosa, l’azzurro (per le celebrazioni dedicate alla Beata Vergine Maria), il nero e infine l’oro, limitatamente ad alcune occasioni, se non come alternativa ai colori canonici.

Il Viola

Prima di essere crocefisso, i soldati schernirono Gesù imponendogli di indossare la corona di spine e una veste viola.

Il viola, simbolo di attesa, penitenza e lutto (si usa anche nelle messe per i defunti alternato al nero), è utilizzato durante l’Avvento e la Quaresima, dal Mercoledì delle Ceneri alla Domenica di Pasqua. Rappresenta la spiritualità, il dolore e la penitenza.

📍LEGGI ANCHE:  Aprire un ombrello in casa porta sfortuna, il perché

Il rosa e le sue sfumature tenui

Il rosa viene indossato dai Sacerdoti cattolici solo 2 volte all’anno: durante la terza domenica di Avvento (la Domenica Gaudete) e la quarta domenica di Quaresima.

Simboleggia solennità e gioia, amore, calore e grazia, tutte rivolte alla speranza di un nuovo inizio.

Bianco

Il bianco è il simbolo per eccellenza della purezza e della gioia donate dalla Fede e della bontà. Ricorre nei paramenti liturgici indipendentemente dalla festività ed è legato all’adorazione di Gesù e della Madonna, al Natale e alla Pasqua. A Pasqua rappresenta la resurrezione di Gesù, risorto nell’esultanza della Fede.

E’ candida la veste degli Angeli, così come quella della sposa, questo colore simboleggia la nuova vita. Bianchi sono i gigli con cui si decorano Chiese e case cristiane, a rievocazione delle trombe che gioiose suonano dopo che Gesù è tornato in vita.

I colori della Pasqua: il rosso

i colori della Pasqua
FontePapa Francesco, Domenica delle Palme 2019

Il rosso rappresenta la passione del Cristo, il sangue versato durante il martirio, il sacrificio e il fuoco ma anche un nuovo inizio. E’ il colore simbolo della Settimana Santa che inizia quando Gesù fa il Suo ingresso a Gerusalemme, viene poi crocefisso e muore il Venerdì Santo, per poi risorgere la Domenica.

Dunque lo vediamo nella celebrazione della Domenica delle Palme, nel Venerdì santo, durante la Pentecoste ed anche in tutte le celebrazioni della Passione del Signore. Come anche durante le feste dedicate agli Apostoli, Santi Martiri ed Evangelisti.

Verde

Il verde, pur essendo assieme al bianco il colore più ricorrente nelle messe della domenica e feriali, simbolo della costanza, della speranza e del perseverare nell’ascolto, è il colore per eccellenza della Santa Pasqua.

Si addice perfettamente alla Primavera che sancisce il passaggio ad una nuova vita che sboccia. Sacrificio, Resurrezione e Vita eterna si uniscono in un intreccio indissolubile, perpetuando il ciclo della fine e del nuovo inizio e crescita.

📍LEGGI ANCHE:  Usanze funebri, fra tradizione popolare e superstizione

Celebrata la Pasqua, i Sacerdoti indossano il verde, a simboleggiare la resurrezione di Gesù e la promessa di una nuova vita.

Oro/Giallo

Nella Bibbia, Giovanni descrive la Nuova Gerusalemme e la definisce come “[…]fatta di oro puro. Puro come il vetro trasparente” […]. Usa l’oro per descrivere la città per far intendere a tutti, con il concetto di qualcosa di prezioso, quanto essa fosse pregna di divino.

L’oro rappresenta la regalità, purezza, trionfo e gloria come la resurrezione di Gesù è la vittoria del Bene sul Male.

Al di sopra di tutti gli altri, l’oro può prendere il posto degli altri colori in qualsiasi occasione liturgica, per quanto venga solitamente utilizzato soltanto in alcune particolarmente solenni e importanti.

Img da risorse gratuite – Copertina e Testo by IlPumoGiallo©

Spread the Love and Like if you love!
- Published posts: 236

Sono nata nel '77, Avvocato e scrittrice. Appassionata di arte e musica, di letteratura e retorica, di storia e di filosofia, faccio della creatività lo svago dalle mie passioni. Amante delle parole in ogni loro forma, scritta e non scritta, mi piace scrivere perché, citando Cesare Pavese, riunisce le due gioie: parlare da solo e parlare ad una folla (Cesare Pavese, 4 maggio 1946).

Facebook
Instagram