Il Test della Foresta

- Maggio 16, 2023
il test della foresta

Il test della foresta rientra nella branca della psicologia che prende il nome di: psicoanalisi relazionale.

Essa mette in stretta relazione il benessere psicologico con le interazioni sociali, basandosi sul concetto di collegamento tra l’inconscio e le proiezioni che ne derivano.

Questo test aiuta a capire l’associazione tra il subconscio e la proiezione di esso in ciò che si vive quotidianamente, in particolare come affrontiamo i problemi e gli ostacoli.

Procuratevi perciò carta e penna e iniziate la passeggiata immaginaria nella foresta!

Annotate la risposta a tutte le domande, la prima che vi viene in mente, senza pensarci troppo, e solo dopo guardate il risultato delle vostre scelte. Non cedete alla tentazione di farlo prima, altrimenti il test della foresta non sarà valido.

Test della foresta

 

il test della foresta

Domande

1. Vai a fare una passeggiata nel bosco.

Com’è il sentiero che ti trovi davanti? La vegetazione è ordinata e il sentiero sembra dritto? 

Cammini da solo o ti accompagna qualcuno? se è così, chi è?

2. All’improvviso appare un animale.

Che animale è e come reagisci trovandotelo davanti sul cammino?

Descrivi in modo preciso la tua reazione e come ci interagisci.

3. Continuando a camminare attraverso la foresta, ad un certo punto il sentiero si apre e in lontananza vedi una casa. E’ davvero bella, quella dei tuoi sogni.

Com’è la casa che vedi? Descrivila nel particolare, quanto è grande, quante finestre ha e se ha o meno le inferriate su di esse.

4. Non hai paura e decidi di entrare. La prima stanza che incontri è il soggiorno e al centro c’è un tavolo.

📍LEGGI ANCHE:  Test visivo della personalità: cosa vedi prima?

Com’è il tavolo? Cosa c’è sopra e cosa ha intorno?

5. Oltrepassi il soggiorno e aprendo una porta scopri che è l’uscita sul retro. Prima di andar via però ti accorgi che c’è una tazza sul pavimento lasciata probabilmente da qualcuno.

Di che materiale è fatta la tazza e cosa ci fai?

6. Esci dalla casa lasciandotela alle spalle e continui a camminare nella foresta. Inoltrandoti in essa ti trovi davanti uno specchio d’acqua che ti impedisce di proseguire.

Che specchio d’acqua è, quanto è grande? Come lo attraversi, se lo attraversi?

(Per specchio d’acqua si intende una qualsiasi presenza di acqua in natura, dunque laghi, falde, pozze, fiumi e così via).

7. Il sentiero è finito, così come la foresta.

Ti guardi indietro?  

 

il test della foresta

Risultati del test della Foresta

L’inizio del percorso e la sua descrizione rappresentano il modo in cui percepisci il mondo intorno a te. 

Se gli alberi sono disposti in modo ordinato, significa che la tua vita sta andando nella direzione che vuoi, in modo lineare e senza rilevanti intoppi. Immagini il tuo futuro in modo positivo.

Se intraprendi il cammino da solo/a significa che in questo momento della tua vita hai bisogno di procedere individualmente, perché non c’è nessuno che ritieni possa accompagnarti. Al contrario, se immagini che con te ci sia qualcuno, quel qualcuno è colui/colei che vorresti ti fosse sempre accanto, la persona che, in questo momento della tua vita, reputi più importante.

 

L’animale che incontri rappresenta la forma irrazionale dei tuoi problemi. Non importa tanto che tipo di animale è nella realtà quanto come tu lo hai immaginato. Più grande è, più grandi percepisci i tuoi problemi. Se non sia aggressivo o lo sia e quanto, rivela il grado di pesantezza e sopraffazione che quei problemi hanno su di te.

Il modo in cui interagisci con l’animale indica come affronti e risolvi i problemi. Se ti attacca, con molta probabilità senti che quei problemi ti stanno danneggiando a livello mentale.

📍LEGGI ANCHE:  Mani secche e screpolate, i rimedi naturali fai da te

Se cerchi invece di interagirci e farlo sentire compreso e ben accetto, significa che stai cercando di risolvere i problemi in modo razionale e assertivo, con sicurezza e nel modo più semplice.

Infine, se ignori l’animale vuol dire che nella vita cerchi di evitare di dover affrontare problemi e ostacoli.

La casa e la sua dimensione rappresentano le tue ambizioni e la capacità di risolvere eventuali contrattempi. Se ha molte finestre sei molto estroverso/a; se ne ha poche e dotate di inferriate, solitamente indica insicurezza e timidezza.

Che cosa ti mette in tavola la vita al momento? Se era piuttosto spoglia, quindi non c’era nulla (come cibo o fiori) sopra, e nemmeno era circondata da persone, indica che in questo momento non ti stai godendo molto la vita e forse ti senti anche infelice.

 

La tazza è correlata alla persona che eventualmente ti accompagna in questo percorso, indicata alla domanda 1 e specifica il rapporto che vedi con lei.

Se la tazza è di ferro o ceramica significa che percepisci una relazione stabile e duratura. Al contrario, se è in carta o plastica, il rapporto è poco stabile.

Come ti comporti con la tazza rappresenta inconsciamente come vuoi comportarti nella relazione con quella persona.

 

Se alla fine del percorso ti volti a guardare indietro può voler significare due cose.

La prima è che dai molta importanza al passato, a ciò che hai vissuto, la seconda che speri di poter ottenere tutto ciò che hai intravisto lungo il percorso. 

Giunti alla fine, potreste rispecchiarvi in quanto letto oppure no. In ogni caso è probabile che il Test della Foresta abbia solleticato la riflessione su qualche aspetto di voi stessi e della vostra vita.

Resta il fatto che questo test psicologico, come altri, non è uno strumento volto a fare diagnosi ma indubbiamente è un modo per riflettere. Se ritenete di avere dei problemi a livello psicologico non abbiate riserve o timori a rivolgervi ad uno specialista.

Img da risorse gratuite – Fonte Test della Foresta: psicologia online – Testo by IlPumoGiallo©

29 Shares
- Published posts: 246

Sono nata nel '77, Avvocato e scrittrice. Appassionata di arte e musica, di letteratura e retorica, di storia e di filosofia, faccio della creatività lo svago dalle mie passioni. Amante delle parole in ogni loro forma, scritta e non scritta, mi piace scrivere perché, citando Cesare Pavese, riunisce le due gioie: parlare da solo e parlare ad una folla (Cesare Pavese, 4 maggio 1946).

Facebook
Instagram
29 Shares
Share via
Copy link
×