138 views 8 min 0 Comment

Semaglutide e suo utilizzo: tra presente e futuro

- Giugno 13, 2023
semaglutide
La semaglutide è un'arma per la lotta al diabete di tipo 2, oltre che una fonte potenziale di effetti terapeutici ulteriori. In questo articolo andremo a considerare le sue applicazioni.

Collocandosi tra gli agonisti del recettore del peptide-1 simil-glucagone (GLP-1RA), la semaglutide è un farmaco diffuso anche nel nostro Paese. E’ comunemente utilizzato per la gestione del diabete di tipo 2.

Sebbene quest’ultima ne rappresenti l’indicazione primaria, la semaglutide è correlata, ad oggi, a benefici ulteriori per la salute umana, non senza alcune controversie in merito.

Nei paragrafi seguenti, ci occuperemo di questo principio attivo e dei suoi utilizzi ufficiali, per poi considerarne gli altri aspetti applicativi e le evidenze scientifiche più recenti.

Non mancheranno indicazioni aggiuntive circa gli effetti avversi e le controindicazioni del farmaco.

A cosa serve principalmente la semaglutide

Disponibile in compresse o sotto forma di soluzione iniettabile (iniezione sottocutanea con siringhe pre-riempite), la semaglutide è in grado di stimolare il rilascio dell’ormone insulina. Contestualmente limita la produzione dell’ormone glucagone.

In combinazione con gli effetti inibitori sullo svuotamento gastrico e sulla produzione epatica di glucosio, tale principio attivo agisce efficacemente sui livelli ematici di questo zucchero, riducendoli.

Ad oggi, il farmaco è impiegato nei soggetti adulti con diabete di tipo 2, insieme ad altri farmaci per il controllo ottimale della glicemia. Da solo, in sostituzione della metformina.

L’utilizzo della semaglutide, in modo intuibile, si inserisce nel più ampio approccio per la gestione della patologia diabetica. Tale approccio è improntato su opportuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita.

Semaglutide, obesità e tendenze moderne

Oltre che per il suo utilizzo primario nel trattamento del diabete di tipo 2, la sostanza in questione è stata indagata di recente circa i suoi effetti benefici sul controllo del peso corporeo.

📍LEGGI ANCHE:  Fragole nere, dolcezza anticonformista dal sapore antico

In particolare, la semaglutide funziona da soppressore del senso di fame, agendo sia a livello dell’apparato digerente, dove rallenta i processi della digestione, sia a livello del sistema nervoso centrale. E’ nel sistema nervoso centrale che promuove la percezione di sazietà e riduce il desiderio di un nuovo apporto alimentare.

Gli effetti del farmaco, in relazione all’obesità, sono stati valutati sia in un campione di individui adulti, sia in adolescenti dai 12 ai 18 anni. La posologia testata, che è la stessa per entrambe le indagini, corrisponde a 2,4 mg di semaglutide, somministrati una volta a settimana.

semaglutide
Fonte (con link allo studio)

Il trattamento con il farmaco è stato affiancato a modifiche mirate nello stile di vita. A 68 settimane dall’inizio del trattamento è stato osservato, sia negli adulti che negli adolescenti obesi che hanno ricevuto la semaglutide, un miglioramento rilevante dell’indice di massa corporea.

Pur vantando diversi dati scientifici a supporto, l’utilizzo della semaglutide per il controllo del peso, attualmente, non rientra tra le indicazioni ufficiali autorizzate dall’AIFA (l’Agenzia Italiana del Farmaco). Pertanto, tale applicazione costituisce un utilizzo “off label” della sostanza posta in commercio.

Alla luce di ciò, la semaglutide deve essere prescritta da un medico specialista e risulta rimborsabile soltanto in caso di diabete di tipo 2 certificato.

In un’epoca fortemente impregnata di social network, la figura dell’influencer può impattare su settori un tempo lontani dalle tendenze del momento, generando, talvolta, problematiche di non poco conto.

È quanto accade nell’anno 2023, in relazione alla crescente richiesta di semaglutide a scopo dimagrante, avvenuta sotto la spinta di alcune personalità social, e alla carenza dello stesso farmaco per i pazienti diabetici.

📍LEGGI ANCHE:  3 Smoothies Detox, Salute Al Top: Gusto, Benessere E Vitalità

Semaglutide e nuove frontiere: le potenzialità antitumorali

Uno studio recente, condotto su 20 individui obesi, ha posto in luce una potenzialità ulteriore della semaglutide.

In particolare, sono stati osservati gli effetti del principio attivo sulla funzionalità di un importantissima tipologia di cellule, note come Natural Killer (NK), e implicate nel riconoscimento e nella distruzione sia di potenziali invasori esterni, sia di cellule tumorali.

Negli obesi, queste cellule risultano funzionalmente difettose, contribuendo, tra le altre cose, all’aumentato rischio di cancro in questi soggetti. Dopo 6 mesi di terapia con una dose di semaglutide somministrata una volta a settimana, si è osservato un ripristino della funzionalità di queste cellule, in modo indipendente dalla perdita di peso.

Pur necessitando di approfondimenti più accurati e di studi di entità maggiore, queste prime osservazioni conferiscono valore alla semaglutide, quale principio attivo di più ampia utilità.

Controindicazioni, effetti avversi e interazioni

Considerando la mancanza di dati sulla sicurezza, l’utilizzo della semaglutide risulta controindicato sia in gravidanza che in allattamento.

Intuibilmente, la semaglutide è assolutamente controindicata anche in caso di allergia nota verso il principio attivo, o verso uno o più eccipienti che compongono il farmaco nel suo complesso.

Per qualsiasi dubbio in merito, è buona norma ricorrere al consulto medico.

Come accade per qualsiasi altro medicinale, anche l’assunzione di semaglutide può associarsi alla comparsa di effetti avversi, sebbene la tipologia e l’entità dei sintomi possa variare tra un soggetto e l’altro.

Gli effetti collaterali più comuni riguardano l’apparato gastrointestinale (nausea, vomito e diarrea) e l’abbassamento dei livelli ematici di glucosio (ipoglicemia), soprattutto quando la semaglutide venga assunta in associazione a insulina o ad altri farmaci per la gestione del diabete.

📍LEGGI ANCHE:  Guaranà e piante adattogene VS mal di primavera

Una conoscenza dettagliata di tutti gli effetti avversi, in ogni caso, richiede l’attenta lettura del foglietto illustrativo in dotazione. È importante, contestualmente alla comparsa di qualsiasi effetto avverso, informare il proprio medico curante.

Per quanto concerne le interazioni farmacologiche, è buona norma consultare il medico anche laddove il paziente stia assumendo anticoagulanti orali (come il Warfarin), così come qualsiasi altro medicinale. Tale raccomandazione si estende anche ai comuni farmaci da banco.

Riferimenti bibliografici

Weghuber D, Barrett T, Barrientos-Pérez M, Gies I, Hesse D, Jeppesen OK, Kelly AS, Mastrandrea LD, Sørrig R, Arslanian S; STEP TEENS Investigators. Once-Weekly Semaglutide in Adolescents with Obesity. N Engl J Med. 2022 Dec 15;387(24):2245-2257. doi: 10.1056/NEJMoa2208601. Epub 2022 Nov 2. PMID: 36322838; PMCID: PMC9997064.

Wilding JPH, Batterham RL, Calanna S, Davies M, Van Gaal LF, Lingvay I, McGowan BM, Rosenstock J, Tran MTD, Wadden TA, Wharton S, Yokote K, Zeuthen N, Kushner RF; STEP 1 Study Group. Once-Weekly Semaglutide in Adults with Overweight or Obesity. N Engl J Med. 2021 Mar 18;384(11):989-1002. doi: 10.1056/NEJMoa2032183. Epub 2021 Feb 10. PMID: 33567185.

De Barra C, Khalil M, Mat A, O’Donnell C, Shaamile F, Brennan K, O’Shea D, Hogan AE. Glucagon-like peptide-1 therapy in people with obesity restores natural killer cell metabolism and effector function. Obesity (Silver Spring). 2023 May 9. doi: 10.1002/oby.23772. Epub ahead of print. PMID: 37157931.

Smits MM, Van Raalte DH. Safety of Semaglutide. Front Endocrinol (Lausanne). 2021 Jul 7;12:645563. doi: 10.3389/fendo.2021.645563. Erratum in: Front Endocrinol (Lausanne). 2021 Nov 10;12:786732. PMID: 34305810; PMCID: PMC8294388.

Img da risorse gratuite – Testo by Dr.ssa Gabriella Reggina per IlPumoGiallo©

Spread the Love and Like if you love!
- Published posts: 8

Ho conseguito la laurea magistrale in biologia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e sono iscritta all’Ordine dei Biologi. Mi occupo di nutrizione umana e di igiene degli alimenti, curando il mio aggiornamento professionale continuo. Mi interesso di scrittura divulgativa nelle materie di mia competenza.

Linkedin